Copia

 

COMUNE DI CEVA

PROVINCIA DI CUNEO

 

 

 

VERBALE DI DELIBERAZIONE

DELLA GIUNTA COMUNALE N.173

 

 

 

OGGETTO:

APPROVAZIONE ATTO DI COMODATO TRA IL COMUNE DI CEVA E LA PARROCCHIA DI MARIA V. ASSUNTA PER L'USO DELL'EDIFICIO "ARCICONFRATERNITA DI SANTA MARIA E CATERINA".     

 

 

L’anno duemiladieci addì ventisette del mese di settembre alle ore diciotto e minuti quindici nella solita sala delle adunanze, regolarmente convocata, si è riunita, la Giunta Comunale, nelle persone dei Signori:

 

 

 

Cognome e Nome

Presente

 

 

1.      VIZIO ALFREDO - Sindaco

2.      BEZZONE VINCENZO - Vice Sindaco

3.      GALLO ARMANDO - Assessore

4.      STIRIANOTTI ENRICO - Assessore

5.      PENNA PAOLO - Assessore

6.      MOZZONE ANDREA - Assessore

7.      RAVIOLO GIORGIO - Assessore

 

 

Totale Presenti:

7

Totale Assenti:

0

 

 

 

Assiste all’adunanza la  Segretaria Comunale Signora  LUCIANO D.ssa Patrizia la quale provvede alla redazione del presente verbale.

 

Il Presidente, riconosciuta legale l’adunanza, dichiara aperta la seduta.


LA GIUNTA COMUNALE

 

Premesso che:

- il Comune di Ceva è risultato beneficiario di contributi da parte della Regione Piemonte e della Compagnia di San Paolo per il finanziamento del recupero e restauro dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Caterina sita in Piazza Vittorio Emanuele II°, di proprietà della proprietà e non piu’ utilizzata da anni per il culto;

- il Parroco pro – tempore Don Francesco TARO’ della Parrocchia Beata M.V. Assunta di Ceva , che in data 02.05.2008 ha provveduto a delegare il Sindaco a presentare domande di contributo in merito al restauro e la rifunzionalizzazione dell’Arciconfraternita di S.Maria e Caterina, si è dichiarato disponibile alla concessione in comodato  gratuito al Comune dell’edificio in questione per l’utilizzo a sala polivalente;

- con Deliberazione della Giunta Comunale n. 142 del 4 agosto  2010,  è stato approvato  in linea tecnica ed ai sensi del comma 7 dell’articolo 128 D.lgs 163/2009, il progetto preliminare generale presentato dal professionista incaricato in data 04.08.2010 Prot. n.8728 dell’Intervento di “Restauro e rifunzionalizzazione dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Caterina, per un  importo complessivo di 496.985,00 euro di cui  366.029,45 a base d’asta;

- Con Deliberazione n. 143 del 4 agosto 2010 della Giunta Comunale si è approvato il progetto preliminare – primo lotto dell’Intervento di “Restauro e rifunzionalizzazione dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Caterina dell’importo complessivo di euro 140.000,00 di cui euro  €.109.363,66 a base d’asta e con successiva Deliberazione Consiliare l’intervento è stato inserito nel programma triennale delle opere pubbliche 2010/2012 ;

-Con Deliberazione della Giunta Comunale n. 165 in data 13.09.2010 è stato approvato il progetto definitivo – primo lotto- per l’intervento di restauro e rifunzionalizzazione dell’Associazione dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Caterina per l’importo di euro 140.000,00;

_ Per procedere alle successive fasi di progettazione ed affidamento dei lavori necessita ora perfezionare con la Proprietà dell’Edificio, l’atto di comodato ;

Vista la bozza dell’atto di Comodato regolante i rapporti tra la Proprietà dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Caterina e questo Ente, per una durata contrattuale di anni trenta;   

_ Acquisito il parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile dell’Area Tecnica ai sensi dell’art. 49 del D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i.;

Con votazione unanime espressa per alzata di mano

 

DELIBERA

 

1.      DI ACCETTARE in comodato gratuito dalla Parrocchia di Maria V. Assunta con sede in Ceva, l’uso dell’edificio di Sua  proprietà ,” Chiesa dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Caterina sita in Ceva, Piazza Vittorio Emanuele II°” interessata dai lavori di restauro e rifunzionalizzazione, che verranno eseguiti dal Comune di Ceva ;

 

2.     DI APPROVARE la bozza di comodato , che in copia si allega alla presente quale parte integrante e sostanziale;

 

3.     DI INCARICARE il Responsabile del Servizio Tecnico di perfezionale il contratto di comodato con l’Ente Proprietario.

 

4.     e con successiva votazione unanime espressa per alzata di mano delibera di dichiarare la presente immediatamente esecutiva ai  sensi di legge. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ATTO di COMODATO

 

Tra la Parrocchia di Maria V. Assunta, con sede nel Comune di Ceva, Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto con D.M.I. n. 280, ed iscritto nel registro delle Persone Giuridiche presso l’Ufficio territoriale del Governo di Cuneo al n. 132/21 C.F. 84001990047, legalmente rappresentata dal Parroco pro tempore, Tarò Francesco, nato a Carrù il 13.12.1942 e residente a Mondovì, C.F. TRAFNC42T13B841M,

e il Comune di Ceva, C.F.: DMRSLD60A08D314, rappresentato dal  Responsabile del Servizio Tecnico geometra Osvaldo Demaria  nato a Dogliani l’8 gennaio 1960   e residente a Dogliani; 

PREMESSO che :

1.          la Parrocchia di Maria V.Assunta con sede in Ceva è proprietaria della Chiesa, dedicata a S. Maria e S. Caterina, censita al N.C.E.U. del Comune di Ceva al F.26 , particella n.B,sub 5 Cat.E/7;

2.         detta Chiesa non è più utilizzata come edificio di culto da decenni, e non si prevede per il prossimo futuro la necessità di utilizzarla per tale scopo, vista la vicinanza della Chiesa Parrocchiale;

3.         il Comune di Ceva ha chiesto la concessione in comodato gratuito della Chiesa in oggetto per utilizzarla come sala polivalente;

4.         il Consiglio Diocesano per gli Affari economici ha espresso parere favorevole alla concessione dell’immobile in comodato al Comune ;

5.         con deliberazione 173 del 27 settembre 2010 la Giunta Comunale del Comune  di Ceva ha accettato in comodato gratuito dalla Parrocchia di Maria V. Assunta con sede in Ceva, l’uso dell’edificio di Sua  proprietà ,” Chiesa dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Caterina sita in Ceva, Piazza Vittorio Emanuele II°” interessata dai lavori di restauro e rifunzionalizzazione, che verranno eseguiti dal Comune di Ceva

      Tutto ciò premesso,

                                      SI CONVIENE E STIPULA quanto segue:

1.          La Parrocchia di Maria V. Assunta con sede in Ceva, come sopra rappresentata, concede in comodato al Comune di Ceva, come sopra rappresentato, che accetta, la Chiesa di S. Maria e S. Caterina, denominata Chiesa dell’Arciconfraternita di S.Maria e S. Caterina, nello stato di diritto e di fatto in cui si trova ed è posseduta dall’Ente;

2.         La durata del comodato è stabilita di comune accordo in anni trenta, con decorrenza dalla stipula del contratto di appalto dei lavori di Restauro e rifunzionalizzazione dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Caterina, primo lotto, dell’importo complessivo di euro 140.000,00 di cui euro  €.109.363,66 a base d’asta;

3.         Alla scadenza potrà essere  espressamente rinnovato salvo disdetta da darsi per scritto da una delle parti almeno sei mesi prima della scadenza;

4.         La Parrocchia autorizza fin d’ora il Comune di Ceva ad accedere ai locali dell’edificio che viene concesso in comodato, ai fini delle progettazioni esecutive  degli interventi e dei relativi rilievi e sondaggi, nonché per  espletare tutte le procedere necessarie all’affidamento dei lavori d manutenzione ordinaria e straordinaria; 

5.         Il Comodatario, si impegna a far data dal termine di cui al precedente comma 2, ( data di stipula del contratto di appalto dei lavori Restauro e rifunzionalizzazione dell’Arciconfraternita di Santa Maria e Caterina, primo lotto) a  conservare l’immobile come un buon padre di famiglia ed assume a proprio carico, in deroga al disposto dell’art. 1808 del Codice Civile, la manutenzione sia ordinaria che straordinaria dell’immobile;

6.         Il Comodatario prende atto che l’immobile, oggetto del presente contratto, a norma del D.Lsg. n. 42/04 è soggetto alla tutela della competente Soprintendenza del Piemonte;

7.         Il Comodatario per i lavori di manutenzione, di ristrutturazione e di restauro si impegna a richiedere ed a ottenere tutte le autorizzazioni, previste dalle norme in vigore, alla proprietà, alle competenti autorità diocesana e civile;

8.         Il Comodatario si impegna, pena l’immediata rescissione del contratto a non utilizzare e/o a non lasciar utilizzare l’immobile in oggetto per iniziative e per attività contrarie alla morale e alla fede cattolica o comunque non rispettose della dignità storica, artistica, e religiosa dello stesso;

9.         L’immobile non potrà essere concesso in uso ad altre persone, gruppi, associazioni, senza l’autorizzazione scritta della Proprietà;

10.       La Parrocchia, previo accordo con il Sindaco, si riserva il diritto di utilizzare l’edificio sacro per attività di culto e pastorale;

11.        Il Comodatario, dalla data di cui al comma 2 del presente comodato, manleva la Parrocchia da ogni qualsiasi responsabilità e danno, che possano derivare a terzi, persone, animali e cose sia dall’immobile che dall’attività in esso svolta;

12.       Per quanto non previsto nel presente contratto le parti fanno riferimento alle disposizioni del Codice Civile e comunque alle vigenti norme e agli usi locali.

 

Letto, confermato e sottoscritto.

Ceva, lì _________________

 

PER LA PARROCCHIA                                             PER IL COMUNE

Parroco pro tempore                                        Geometra Osvaldo Demaria

   Tarò Francesco,

________________                                     _______________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COMUNE  DI  CEVA

 (Provincia di Cuneo)

 

 

 

Piazza V. Emanuele II 17 – 12073 CEVA (CN) - Telefono: 0174/721623 – Fax 0174/701845 – 0174/722500 – Indirizzo email:  com.ceva@vallinrete.org

 

 

PARERI SU PROPOSTA DELIBERAZIONE DEL N.  173  DEL   27 settembre  2010 

 APPROVAZIONE ATTO DI COMODATO D’USO TRA IL COMUNE DI CEVA E LA PARROCCHIA DI MARIA V. ASSUNTA PER L’ARICONFRATERNITA DI SANTA MARIA E CATERINA

 

 

Ceva, lì  27 SETTEMBRE 2010                                                      

 

Servizio  TECNICO    

 

IL RESPONSABILE DEL  SERVIZIO, AI SENSI DELL’ARTICOLO 49 DLGS 267/2000;

 

VISTA la proposta di deliberazione di cui sopra,

 

ESPRIME PARERE FAVOREVOLE  DI REGOLARITA’ TECNICA

 

 

 

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO  TECNICO

       ( DEMARIA Geometra Osvaldo ) 

 

 

 

 

 


Data lettura del presente verbale, viene approvato e sottoscritto.

Il Presidente

F.to: F.to : VIZIO ALFREDO

_______________________________________

Il Segretario Comunale

F.to : LUCIANO D.ssa Patrizia

______________________________________

 

CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE

 

La presente deliberazione è stata pubblicata all’Albo Pretorio del Comune per 15 giorni consecutivi con decorrenza dal 11/11/2010 al 26/11/2010, come prescritto dall’art.124, 1° comma, del D.Lgs 18/8/2000 n.267.

 

Ceva , lì 11/11/2010

Il Segretario Comunale

F.to: LUCIANO D.ssa Patrizia

 

 

Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti d’ufficio

ATTESTA

che la presente deliberazione è stata comunicata in elenco il primo giorno di pubblicazione:

q  Ai Signori Capi Gruppo consiliari così come prescritto dall’art.125, 1° comma, del D.Lgs 18/8/2000 n.267

q  Alla Prefettura di Cuneo ai sensi dell’art.135, 1° comma, del D.Lgs 18/8/2000 n.267

q  Ratificata dal Consiglio Comunale nella seduta del ………………………….. con provv. n. …………….. ai sensi dell’art.42, 4° comma, del D.Lgs 18/8/2000 n.267

 

Ceva, lì____________________________

Il Segretario Comunale

F.to :      

 

 

DICHIARAZIONE DI ESECUTIVITA’

q  A richiesta di un quinto dei Consiglieri, per il controllo nei limiti delle illegittimità denunciate (art.127, 1° comma, D.Lgs 18/8/2000 n.267.)

q  E’ stata affissa all’albo pretorio comunale per 15 giorni consecutivi, dal …………………… al ……………………, senza reclami.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

DIVENUTA ESECUTIVA IN DATA ……………….

 

q  Dichiarazione di Immediata Eseguibilità (art.143, 4° comma, D.Lgs 18/8/2000 n.267)

q  Per la scadenza dei 10 giorni della pubblicazione (art.134, 3° comma, D.Lgs 18/8/2000 n.267.)

 
Il Segretario Comunale

LUCIANO D.ssa Patrizia

 

 

E' copia conforme all'originale, in carta semplice, per uso amministrativo.

 

Ceva, lì 11/11/2010

Il Segretario Comunale

LUCIANO D.ssa Patrizia